fbpx

Pink Society

lo sguardo rosa sulla società

Libri: Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando

Libri: Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando

Quando frequentavo le scuole medie c’era l’ora di Narrativa. Dovevamo leggere un libro, uno all’anno, non ricordo più quali. Si leggeva un po’ in classe, un po’ a casa e se ne discuteva. La scelta dei docenti si orientava su testi che consentissero di fare delle riflessioni di carattere etico e sociale così da fornire gli strumenti critici e farci crescere persone a modo, uno dei compiti secondo me più importanti della scuola.

Su invito di un amico, ho letto “Per questo mi chiamo Giovanni”, di Luigi Garlando, caporedattore della Gazzetta dello Sport. È la storia di Giovanni Falcone, raccontata da un padre al figlio chiamato Giovanni perché nato il giorno dell’attentatuni, della strage di Capaci.

Non so se oggi esiste più l’ora di Narrativa, ma sicuramente il lavoro di Garlando sarebbe la lettura ideale per far capire ai ragazzi che il male lo si sconfigge prima di tutto con i comportamenti, che significa rettitudine morale, attenzione all’altro e alla cosa pubblica, ma anche non accettare e denunciare qualsiasi sopruso.

Poi c’è la storia affascinante e un po’ romanzata di un uomo straordinario che è diventato patrimonio di tutti solo dopo morto, come spesso accade in questo malandato Paese, storia che aiuta a capire tante cose e comunque, soprattutto per i Millenial, conoscerla male non fa.