fbpx

Pink Society

lo sguardo rosa sulla società

Autismo e ciclo mestruale: una ricerca per rompere lo stigma

Attraverso una ricerca sono state analizzate le esperienze di persone con autismo in relazione al ciclo mestruale. I risultati emersi e i consigli degli esperti, sono ora raccolti in un report sviluppato per offrire supporto a quante ne sono coinvolte (il 49% non ha percezione del ciclo mestruale, un quarto circa è preoccupato delle variazioni di umore o di salute e il 30% impiega 4-5 anni per imparare a gestirlo).

La buona notizia è che si sta cominciando a parlare della relazione tra ciclo mestruale e le persone neurotipiche. Ma quella meno buona è che non vale lo stesso per le persone con autismo. 

Lo scorso aprile, in occasione del mese sulla consapevolezza dell’autismo, INTIMINA, brand per il benessere femminile, ha presentato il report sulle esperienze di queste persone in relazione al ciclo mestruale.

“La nostra missione è quella di offrire consigli e supporto a tutti, indipendentemente dal background. Abbiamo commissionato questa ricerca – interviene Danela ZAGAR di INTIMINA - per aiutare le voci delle persone con autismo a essere ascoltate e a capire le sfide che devono affrontare per superare lo stigma di questo argomento. Speriamo davvero che i risultati di questa ricerca e i consigli all’interno del report, siano di supporto a molte persone con autismo e alle loro famiglie".

IL 30% IMPARA A GESTIRE LE MESTRUAZIONI DOPO 4-5 ANNI

Tra le molte persone con autismo che si sentono inascoltate e disinformate, quasi la metà (49%) ha riferito di non avere una percezione del proprio ciclo mestruale. Un terzo (30%) ha affermato che ci vogliono dai 4 ai 5 anni per imparare a gestirlo (rispetto a 1 anno che il 38% delle persone neurotipiche impiega). 

Oltre la metà (59%) non si sente a proprio agio a parlarne e il 16% ha dovuto imparare a conoscere questo cambiamento, mentre l’83% ha affermato di trovare i prodotti mestruali difficili da usare.

“La pubertà è un momento importante di passaggio al mondo adulto, una sorta di attraversamento con un significativo cambiamento sia dal punto di vista della percezione di sé per via dei cambiamento del proprio corpo e dell’ umore – interviene Alessandra BITELLI, Woman Empowering Coach – sia anche da quello della gestione pratica di quando compare la mestruazione. La ricerca evidenzia che la gestione di questo evento non è sempre facile soprattutto nei casi in cui l’individuo fa fatica a vivere serenamente i cambiamenti. Diventa quindi ancora più importante supportare e facilitare l’accoglimento delle mestruazioni con naturalezza e aiutando a creare la routine in tempi brevi”

IL RUOLO DELLE SENSAZIONI, DELLE EMOZIONI E DELLA SALUTE

Questa nuova ricerca mostra che la varietà dei motivi per cui si avvertono questi disagi durante le mestruazioni, potrebbe dipendere dalle esperienze diverse. Tra le cose che sperimenta la maggior parte delle persone con autismo, c’è un maggiore interesse  per gli aspetti sensoriali dell’ambiente.

Alla domanda se notano i profumi nei prodotti mestruali quali tamponi, coppette mestruali e assorbenti, il 70% ha risposto di sì, mentre il 66% ha detto che li infastidisce e il 26% ha segnalato che gli odori sono uno dei problemi principali durante il ciclo.

Quasi tutte le partecipanti (96%) hanno affermato di aver sperimentato cambiamenti emotivi durante un ciclo, dove oltre un terzo (38%) ha confermato che i cambiamenti di umore erano tra le tre principali preoccupazioni che avevano prima del ciclo.

Oltre ai cambiamenti di umore, il 42% ha affermato di essere preoccupato di avere forti emorragie durante le mestruazioni e il 42% si dice ancora più preoccupato per i crampi mestruali.

“Le mestruazioni sono la cosa più naturale al mondo e suggerisco alle persone con autismo di chiedere sempre un consiglio, senza sentirsi in imbarazzo perché le mestruazioni fanno parte della loro vita naturale. Invito anche a rivolgersi a un medico o a un ginecologo che, vista la loro specializzazione nel gestire problemi importanti e difficili legati alle mestruazioni  – interviene Shree DATTA, consulente ostetrica e ginecologa di INTIMINA â€“possono essere di supporto alle difficoltà di chi convive con l’autismo”.

L’INSICUREZZA DI NON RIUSCIRE A PARLARE DELLE MESTRUAZIONI

I risultati mostrano che il 41% delle persone con autismo non si sente sicuro di parlare delle mestruazioni con amici intimi o familiari, mentre un altro 18% si sente molto insicuro. Ciò è in contrasto con il campione neurotipico in cui il 74% ha affermato di sentirsi fiducioso o molto fiducioso.

“Le persone con autismo come me potrebbero avere difficoltà a parlare di mestruazioni perché si vergognano o potrebbero essere collegati alle sfide sociali vissute da molte persone autistiche. È anche estremamente comune provare sentimenti di depressione e ansia – spiega Steph JONES psicoterapeuta Membro del British Association for Counselling and Psychotherapy, (MBACP) – appena prima dell’inizio del ciclo mestruale. Consiglio di monitorare gli stati d’animo per capire se sono correlati a cambiamenti ormonali o rivelano un problema di fondo. Un controllo di questo tipo aiuta anche a ridurre l’ansia di non sapere quando dovresti iniziare il ciclo, e invito a usare un semplice diario o utilizzare le numerose app sviluppate per questo scopo”.

IL SISTEMA RIPRODUTTIVO

Quasi la metà (49%) delle persone con autismo non comprende completamente il proprio ciclo mestruale e quando è stato chiesto di identificare la cervice su un’immagine del sistema riproduttivo femminile, il 39% non è riuscito a identificarlo correttamente.

Dalla ricerca si evidenzia che un terzo (34%) definisce il periodo delle mestruazioni quale terza preoccupazione più grande, dimostrata anche dalla difficoltà a utilizzare i prodotti sanitari per 4 persone su 5 (83%), anche se quasi un quarto delle persone con autismo (24%) ha affermato di preferire l’uso delle coppette mestruali.

“L’insicurezza di parlare di ciclo mestruale può derivare dall’alterata percezione della realtà e dal non riconoscimento dell’evento come naturale oltre ai normali cambiamenti di umore tipici del periodo premestruale. Un altro elemento è la fiducia o sfiducia verso gli adulti di riferimento – continua BITELLI – o un determinato evento che potrebbe, appunto, essere la mestruazione. Ciò che è diverso da sé è percepito come distante o non è percepito affatto ma, non possiamo negare che il modo di stare nella relazione è cambiato, a livello culturale, per tutti negli ultimi decenni. Occorre quindi forse accogliere l’insicurezza e facilitare la normalità dell’evento come qualcosa di sempre uguale e ripetitivo. Una possibilità è intervenire, a livello psicoeducativo, con un monitoraggio mensile in modo da tenere traccia, sia dei cambiamenti ormonali sia per arrivare preparati e senza sperimentare stress elevato”.