fbpx

Pink Society

lo sguardo rosa sulla societĂ 

Libro della settimana: Poteva andare peggio di Simone Rocchi

Libro della settimana: Poteva andare peggio di Simone Rocchi

Un po’ De Silva, un po’ Bussola. Una scrittura curata – che per me è musica – ironica, limpida, scorre via e ti tiene incollato alla pagina, ma con improvvisi momenti profondi, quasi di poesia.
Nella settimana in cui inizia l’avventura di Brescia e Bergamo cittĂ  della cultura 2023, mi prendo la liberĂ  di consigliare “Poteva andare peggio”, di Simone Rocchi, giovane autore bergamasco – ha 35 anni – trasferitosi a Brescia il giorno prima del lockdown.

Giacomo “Jack” Alighieri fa un mestiere bellissimo, un sogno per molti, quorum ego: racconta storie. In realtà era un impiegato con il posto fisso, poi un giorno ha iniziato a ricevere strani bigliettini da un’altrettanto strana Società, con indicato solo l’indirizzo dove presentarsi e l’orario. E in quei posti succede sempre qualcosa che porta Jack a dover improvvisare un racconto, che finisce per cambiare il destino della o delle persone coinvolte. Lo pagano bene e questo gli svolta la vita.
Tutto perfetto? No.

Jack si trova a dover pensare e decidere. Che non è solo come riempire il tempo libero che il nuovo impiego gli lascia, o come mantenere il segreto con i genitori e la fidanzata, anche perchÊ provate voi a spiegare la job description di un impiego del genere. Fino a quando il destinatario del racconto è proprio lui e allora arriva il momento di scegliere. In ogni caso: poteva andare peggio.

Simone Rocchi scrive prevalentemente in soggettiva – e qui si esprime tutto il suo talento – ma mostra capacitĂ  anche nell’affrontare i dialoghi, puntuali, mai banali. Soprattutto sa raccontare. Come Jack.